Autori

CHI HA SCRITTO CON EDIZIONI ATELIER...

BIOGRAFIA DEGLI SCRITTORI

Giuseppe Di Bernardo, classe 1971, fiorentino. Attualmente è un disegnatore del famosissimo fumetto “Diabolik” (Ed. Astorina). Tra le tante pubblicazioni a fumetti ha creato la miniserie “L'Insonne” (Arcadia Edizioni), la cui protagonista, Desdemona, appare anche in questo racconto.  Come sceneggiatore ha scritto “Cornelio, delitti d'autore” e "The Secret" (Star Comics). Ha pubblicato un romanzo e alcuni racconti brevi (Editore Marco Del Bucchia), ha lavorato nella pubblicità, insegna alla Scuola Internazionale di Comics, ed è editor della Star Comics.

Rossana Giorgi Consorti, insegnante di materie letterarie in pensione, è nata e vive a Lucca dove ha ambientato i suoi quattro romanzi gialli e alcuni dei suoi racconti che vedono come protagonista il commissario napoletano Antonio Spaino. Con il primo romanzo giallo"Il delitto del reliquiario" ed.Titivillus 1999 ha vinto il primo premio Gronchi. Molti i riconoscimenti e i premi con gli altri tre romanzi: "Delitto in maschera" ed.Titivillus 2001; "Assassinio al Machiavelli" ed. Maria Pacini Fazzi 2004; "Pietre dure a colazione" ed.Maria Pacini Fazzi 2009. Molti i racconti pubblicati su varie antologie quali: Eva noir, Giallo Pistoia, Vicini da morire, Presi per la gola, L'ombra del sospetto, Garfagnana in giallo, Menù in giallo, Pistoia giallo e noir e molti altri.

Alice Cianni, nata nel 1989 a Pistoia, dove vive, ha un pezzetto di cuore a Firenze, città dei suoi studi universitari. Si è laureata in Teoria della letteratura con una tesi sulla narrativa ipertestuale. Leggere è sempre stata la sua passione, coltivata fin da piccola anche fuori dai banchi di scuola. Spera di lavorare nel mondo dell’editoria, conosciuto grazie a un importante stage presso la casa editrice Giunti, da cui sono nate piccole collaborazioni, e, perché no, di continuare a scrivere. Attualmente sta svolgendo il servizio civile presso la Biblioteca San Giorgio di Pistoia. Il signor A. è il suo primo racconto pubblicato.

Enrico Tozzi è nato nel 1964 a Rieti, ma vive da più di 20 anni a Pistoia.

Laureato in Economia e Commercio, lavora in un primario istituto di credito. E’ appassionato di computer, cinema e gatti; si occupa attivamente di sindacato; è socio e tesoriere dell'associazione Giallo - Pistoia.Nel 2003 pubblica un’antologia di suoi racconti, “Apparenza” (Guida Editore) e nel 2006 un romanzo giallo-noir dal titolo “Tra Noi” (Giannini Editore), a forti contenuti autobiografici.Nel 2010 è la volta del voluminoso romanzo “Il piatto freddo” (Marco Del Bucchia Editore), che narra la complessa indagine di un commissario in crisi, alle prese con delitti che hanno origine durante la seconda guerra mondiale.Dal 2009 in poi ha partecipato, con racconti di genere giallo-noir, ad una serie di antologie:“Pistoia - gialli e noir storici” (Marco Del Bucchia Editore), “Vicini da morire” (Romano Editore), “Il fumo uccide” e “Delitti in rima” (Edizioni Effigi), tre edizioni de “Delitti tra i libri” (Marco del Bucchia Editore) legate al concorso nazionale indetto dalla biblioteca San Giorgio di Pistoia, “Toscana in giallo” (Edizioni Frilli) e “Menù in giallo” (Edizioni Atelier).”La Nuova economia”(edizioni Atelier).

Donatella Fabbri, fiorentina, scrive, oltre a recensioni di mostre d'arte e commenti di varia cultura, racconti giallo noir. Due sono stati tra i finalisti  di “Orme Gialle” (2009) - a quattro mani con Lucia Bruni -  e  “Delitti tra i libri” (2010); altri  pubblicati su antologie e periodici, altri ancora si trovano on line sul sito www.thrillermagazine.it.

Nel 2013 esce il suo primo romanzo “Una storia sbagliata” (edizioni Atelier). Seguono “Il tempo felice” e “Ora devo andare” (ed. Atelier)

 Franco Burchietti è nato a Quarrata, attualmente volontario e Presidente dell'Associazione Centro di Solidarietà (Ce.I.S) di Pistoia, dopo un primo periodo di lavoro nella formazione professionale, è stato per lunghi anni dirigente di Aziende sanitarie. In tale veste ha pubblicato vari articoli ed è stato coautore e curatore di manuali tecnici di gestione aziendale.

Susanna Daniele, giornalista pubblicista. 

Da sempre appassionata lettrice, dal 2004 si cimenta nella scrittura. Ha esordito con la letteratura gialla partecipando a vari concorsi e pubblicando racconti in numerose antologie.Autrice di due testi teatrali “Ai saggi la gloria”, 2011, Ed. Marco Del Bucchia (LU) e “Il ceppo fiorito”, EdizioniAtelier (Pistoia) 2012.Ha partecipato alle pubblicazioni: "Il tacco spezzato. Interviste e racconti sul femminicidio" EdizioniAtelier (Pistoia) 2013, “Chi sei? Storie di speranze rubate” EdizioniAtelier (Pistoia) 2014. Per lo stesso editore nel 2014 è uscito “Interviste impossibili -  un viaggio nella storia” e nel 2015 “Donne. Ricordi incisi nella pietra”.

Cristina Bianchi, è nata e vive a Pistoia, ma si sente cittadina del mondo.

Ama tutto ciò che è legato alla parola.La lettura è il suo primo grande amore; si lascia catturare dalle storie che le permettono di vivere molte vite, viaggiare nel tempo e nello spazio, esplorare l’animo umano e gli angoli più reconditi della Terra. Tutto questo dove e quando le è possibile, in casa o all’aperto, da sola o in compagnia.Il suo stile di vita si può riassumere in questa frase: “La diversità è una ricchezza”.Vanta giovanili esperienze teatrali e canta da una vita in cori parrocchiali e polifonici.Ha pubblicato alcuni racconti in varie antologie:per Marco Del Bucchia Edizioni: “Una storia di provincia” (Pistoia gialli e noir storici, 2008) e “Era una notte buia e tempestosa” (Presi per la gola, 2011)per Romano Edizioni: “Cruel Summer” (Vicini da morire, 2010)per Edizioni Atelier: “Bambino per sempre” (Il treno della memoria, 2013), “Sono cose di famiglia (Il tacco spezzato, 2013), “Non lo vedo, non c’è” (Chi sei? Storie di speranze rubate, 2014)per Effigi Edizioni: “Fumo blu” (Il fumo uccide, 2012), “Il Vate” (Rime assassine, 2013), “Sull’orlo dell’abisso” (Sulle tracce dell’autore, 2014)

Lucia Focarelli Bugiani

Laureata in Servizi Sociali e poi in Psicologia. Pittrice, scrittrice, attrice, scenografa.

Dal 1992 si dedica alla pittura di Icone e Codici miniati. Dal 1998 e per vari anni, tiene una scuola di iconografia.Nel 1999 vince il Premio del Ceppo per la poesia con il libro “La Treggiaia, ovvero andar per piccole cose”.Nel 2011 pubblica “I piedi lontani”, raccolta di racconti.Dal 1998, lasciata la professione, si dedica al teatro,  prima come scenografa e poi anche come attrice. Contemporaneamentre dal 2006, e per otto anni, dirige una scuola di teatro per bambini per i quali scrive tutti i testi.Nel 2015 va in scena, con grande successo, il dramma “Artemisia” sua prima opera teatrale  (per adulti).

Marcello Brotto nasce a Chiusdino (SI) nel 1951, dove trascorre la prima infanzia. Il paesaggio senese e i ritmi millenari della vita contadina rimarranno come tracce indelebili nella sua memoria. Inizia a lavorare ancora giovanissimo e si confronta con le contraddizioni di un repentino sviluppo economico e sociale.  Più tardi scopre la fotografia ed è affascinato dal linguaggio dell’immagine ma non gli basta e prova a comincia a dipingere intuendo l’immenso potenziale di questa forma d’arte. Il percorso pittorico intrapreso negli anni 80 è segnato da molti successi e da  lunghi periodi di inattività. Tutto questo a Marcello non basta, ha bisogno di imprimere su carta emozioni diverse dal segno pittorico e dall’immagine fotografica. Inizia a scrivere raccontando una storia:  “Una piccola storia”.

Luca Martinelli è nato a Siena nel 1964. Giornalista, è autore di romanzi e racconti apocrifi con Sherlock Holmes. Nel 2012, con “Sherlock Holmes e la morte del cardinale Tosca” (UR Editore), ha vinto il Premio Garfagnana in giallo ed è stato finalista al Premio Scrittore toscano dell’anno. Il suo ultimo romanzo è “Sherlock Holmes e l’enigma del cadavere scomparso” (Delos Books, 2014). Nel 2015, per Atelier Edizioni, ha partecipato al lavoro antologico di saggistica e narrativa “Sherlock Holmes a Pistoia”.

Gemma Aiuti, nata a Pistoia nel 1982, si è laureata all’Università di Firenze in Psicologia Clinica. Specializzata in Psicoterapia Umanistica, si occupa di diverse patologie di adulti, bambini, coppie e famiglie ed è specializzata nei disturbi d’ansia.  Per un anno ha fatto la volontaria psicoterapeuta alla ASL 3, oltre a prestare servizio di volontariato al Dynamo Camp. Ama dipingere e scrivere; ha vinto due concorsi di poesia e nel 2009 si è aggiudicata il premio Microfono di cristallo per la radiofonia. Attualmente svolge la libera professione come Psicoterapeuta presso lo studio di Neuroscienze del Dr. Raffaello Spiti.

Gabriele Carradori Vivo a Pistoia, ho trentasei anni e da oltre venticinque mi occupo di teatro e scrittura, in particolare di poesie.

Non ricordo quando ho iniziato a scrivere, intendo quando ho iniziato a comprendere che  la scrittura era la misura che riempiva la mia anima. Una prematura esperienza della solitudine, conseguenza della scelta  di percorrere sentieri di crescita svincolati da schemi convenzionali, sono stati la molla per intraprendere questa strada.

Determinante è stata l’esperienza del coma a seguito di un gravissimo incidente subito da ragazzino: la mia mente, ormai priva di ricordi, ha trovato nella Poesia la giusta terapia per tornare a vivere.Attraverso l'esercizio dello scrivere ho messo ordine nella mia anima, riscoprendo la vita come un’essenziale lezione.La mia ricerca stilistica è stata ed è un laboratorio sperimentale. Da testi impersonali, caratterizzati da un iterato uso del tempo infinito, sono passato a versi composti con forma costruita - a volte ricercando forme arcaiche ormai desuete - e ad esperimenti di riduzione ad un unico grafema, specifici per esprimere pensieri complessi.Un capitolo a parte sono gli anni trascorsi nella Compagnia teatrale di Pier Luigi Zollo, un'esperienza che mi ha consentito di interpretare attraverso la gestualità i testi che scrivevo.In seguito, fatto tesoro di questi studi, ho messo a punto le interazioni tra testi, supporti e ambientazione, per ottenere una sintesi espressiva che andasse oltre la parola. Esperimento che ho posto all'attenzione del pubblico in una performance allestita di recente nel giardino del Residence Artemura, a Pistoia, dove quaranta poesie riprodotte su tela, facevano corona ondeggiando alla brezza, sospese come panni al sole: un incantato Giardino di Versi sposava note musicali di artisti, complici di un evento fuori dal tempo, a contrasto con il rumoroso cuore pulsante della città.

Mauro Moretti è nato a Poggio Mirteto (RI) il 4 Luglio del 1953 ma risiede a Pistoia fin dalla nascita. E’ qui che cresce e si forma, anche se la maggior parte degli studi li compie a Firenze.

Pistoia è il luogo dove oggi lavora come impiegato bancario e vive con la famiglia, sua moglie Elisabetta ed i tre figli Sara, Iacopo e Matilde. E’ anche il luogo della formazione politica e religiosa e  dell’impegno.Questo impegno si è sviluppato costantemente negli anni in ambiti sociali e di volontariato, prima svolgendo attività  sindacale e poi operando con i giovani come capo scout, compito che tutt'oggi lo appassiona e coinvolge. In parallelo ha portato avanti lo studio e l’approfondimento della sfera spirituale/religiosa/teologicaIl suo amore per la poesia è nato pian piano e data ormai molti anni, i primi componimenti risalgono al 1970, da quella data con minore o maggiore intensità ha sempre scritto qualcosa, ha partecipato nel tempo a concorsi di poesia con  buoni risultati, fino ad oggi però non aveva mai pubblicato una raccolta.Ha collaborato con gli artisti del progetto Gruppo Blu,  con i quali ha curato nel marzo 2005  una  mostra di poesie dipinti e incisioni denominata “Il teatro dietro le quinte”, svoltasi a Prato presso il Caffè al teatro.Nel Maggio 2006, la collaborazione artistica con il pittore e incisore pistoiese Mazzoni è culminata nell’allestimento di una mostra di poesie e linoleografie dedicata alla “loro Pistoia” e tenuta nella chiesa di Ripalta, con il titolo “La città dell’anima.

Sura Bizzarri è nata e vive a Maresca, in alta Toscana.

Lavora tanto e, quando torna a casa, da' libero sfogo al suo entusiasmo principalmente scrivendo. Quando l'euforia trabocca e diventa incontenibile, viaggia attraverso paesi e città colorando i muri delle case! Questo però non ditelo a nessuno

Simone Benelli nato a Quarrata nel 1964, questo è il suo secondo romanzo. Nel 2013 esordisce con un thriller “Una rosa nera”. Benelli riesce sempre a trovare trame psicologiche che coinvolgono il lettore nella storia. Cura la descrizione dei personaggi in ogni dettaglio rendendoli in questo modo reali.

Andrea Consorti è nato a Pistoia e risiede da moltissimi anni a Lucca dove esercita la professione di Avvocato. Appassionato di letteratura e storia basso medioevale ha pubblicato nel 2007 la raccolta di racconti “L’uomo che uccise l’Olandese Volante e altri racconti” (Pacini Fazzi editore), nel 2011 il romanzo storico “I delitti della Fortezza Augusta” (ed. Sarnus-Polistampa) assieme ad Alessandro Bedini, libro prefato da Franco Cardini, nel 2014 il saggio storico “Riccardo Re d’Inghilterra e la Cappella Trenta in San Frediano di Lucca” (Pacini Fazzi editore).  Suoi racconti sono stati pubblicati nelle antologie “Il treno della memoria”, “Biblioteche in giallo” (entrambe ed. Atelier), “Pistoia in Giallo” (Felici editore).

 

Ultimo aggiornamento ( Martedì 07 Marzo 2017 16:24 )

 
Facebook

Atelier Antiquario Pistoia

Edizioni Atelier

 

Visitatori
Links